Hanno inventato il traduttore per animali

Se volte scoprire cos’hanno da dire i nostri amici a quattro zampe, basta chiedere. Infatti da un po’ di tempo a questa parte si possono trovare nel web dei veri e propri traduttori per animali. Incredibile vero? 

Google ha rilasciato l’Animals Translate sul market Android, un’applicazione rivoluzionaria che riesce a mettere in contatto gli esseri umani con tutto il regno animale. L’app si basa su tecnologie di riconoscimento vocale molto sofisticate e, attraverso un sistema di riconoscimento del verso messo a confronto con un database di linguaggi di diverse specie, può tradurre quasi tutto.

Insomma tra non molto anche i nostri amici potranno dire la loro sul colore delle tende in camera da letto o il frigorifero vuoto in cucina.

Comunque, noi siamo convinti che in fondo per capire gli animali basta una tecnica molto antica ma sempre valida: lo sguardo. A chi non è mai capitato di guardarli negli occhi e avere l’impressione che vi stiano parlando? Provare per credere.

Nuove frontiere della comunicazione? #cademartoriperò.

Altri Articoli

  • 20 febbraio 2015

    Un gusto da Oscar

    Tra non molto conosceremo i vincitori degli Oscar 2015. Tra i tanti nomi in lizza, sarà davvero molto difficile per la giuria scegliere il migliore. Per ingannare l'attesa abbiamo pensato di proporvi una serie di parodie di film famosi (e già pluripremiati), in versione Cademartori. vai all’articolo >>
  • 30 ottobre 2014

    Taleggio o scherzetto?

    È arrivato Halloween e le strade si riempiono di travestimenti di ogni tipo. Noi di Cademartori siamo prontissimi ad accogliere chiunque bussi alla nostra porta, con i nostri mostri di bontà trasformati in gustosissimi dolcetti formaggiosi? Ovviamente, ogni travestimento ne ha uno perfetto. vai all’articolo >>
  • 2 ottobre 2014

    Vedere le cose da un'altra prospettiva.

    Ogni giorno un'opera d'arte viene fotografata in pose “imbarazzanti” e circondata da file di turisti (e non solo) che fanno a gara per scattare nelle prospettive più assurde. Se i monumenti potessero parlare chissà cosa direbbero... vai all’articolo >>